Trovare due mammelle perfettamente identiche è molto raro, per non dire impossibile. Piccole differenze, molto comuni, non disdicono nell’equilibrio estetico generale di un seno ed in genere non richiedono l’utilizzo di differenti tecniche. Esistono però delle condizioni di grave asimmetria con combinazioni di forma tra le più disparate. Ed è in tal caso che prende grande importanza l’abilità del chirurgo operatore che deve, combinando opportunamente le diverse tecniche a disposizione, apportare quelle modifiche in grado di conferire da un lato la desiderata gradevolezza dell’aspetto globale del seno e dall’altro di raggiungere quell’obbiettivo di massima similitudine tra le due mammelle.